Concept e ideazione a cura di_                                                                                                                                                                                                     Assemblage: Jose Carlos Bellantuono, Carlo Mascolo, Michele Russo, Domenico Saccente, Felice Furioso

Prodotto da_
Associazione Culturale Muzic Plus

L'uso quotidiano dei mass media e new media (tv, computer, pad, smartphone) simboli della massificazione della cultura contemporanea, ha fortemente cambiato la fruizione dell’arte come momento emotivo e sensitivo.

La performance/installazione “Essensum” si pone l’obiettivo di suscitare ed attivare processi immaginativi, attraverso l’interazione suono-immagine/immagine-suono.
Il dialogo tra video arte e musica si muove sul binario improvvisazione-feedback, l’output che modifica l’input.

La video arte analogico-digitale genera combinazioni di colori, tese a produrre associazioni mentali, affreschi in movimento, stratificazioni, attraverso l'uso di proiezioni e riprese processate in tempo reale, volutamente disturbate dall'intervento dell’autore, e/o dalle ombre degli spettatori, mediante la proiezione dell’immagine elaborata sul corpo. L'utilizzo di schermi multipli di vario tipo (vecchi televisori, monitor lcd, proiettori ), amplia e mette a confronto i vari dispositivi e le loro qualità (cromia, luminosità, densità, definizione), imponendoci una attente riflessione sul concetto di obsolescenza tecnologica e sostenibilità ambientale.

La musica, composta in tempo reale lavora sulla materia sonora “grezza”, lasciando piena libertà di esplorazione e manipolazione ai musicisti. Mediante un approccio non convenzionale, si generano impasti timbrici tra strumenti acustici ed elettronici, organismi sonori che si alimentano di suono. Gli strumenti “preparati”, gli oggetti sonori, gli strumenti effimeri, ampliano lo spettro di possibilità espressive del linguaggio musicale.

Il pubblico contribuisce muovendosi all’interno dell’installazione ambientale, attraverso una mappatura programmata, di natura sonora (strumenti tradizionali e oggetti sonori) e materico visiva (environmental video, rifiuti ed oggetti di vario genere, «objet trouvé»). La mappa consiste in una serie di eventi che possono essere manipolati liberamente da chi interviene nella performance, dove il valore del processo creativo diviene ritualità collettiva piuttosto che mera fruizione consumistica.

Assemblage

Assemblage fonde le esperienze artistiche di 5 creativi, di cui 4 musicisti ed un visual artist, che da anni operano nell'underground pugliese, per la creazione di performance multimediali atte a stimolare momenti di riflessione su tematiche contemporanee, regressione dei linguaggi e schizofrenia della relazione uomo-macchina-ambiente. Promotori e ricercatori nel campo dell’arte contemporanea, lavorano in stretta simbiosi tra musica e arte visiva.

Le singole esperienze vantano l’organizzazione di festival di musica e video d’avanguardia come il Free Flow Fest di Altamura o il Free Frame Festival di Monopoli; la partecipazione a festival internazionali come il MIA Festival in Portogallo, il Klangfest in Austria, Impro Jam in Olanda; installazioni e produzioni sia fotografiche che filmiche come i lavori: Plastic Message, Aisthesis, Impronte Secolari «L’urlo dell’ulivo», The Cage, Love&Merda.

 

Jose Carlos Bellantuono_ videoarte e installazione

Carlo Mascolo_ trombone preparato

Domenico Saccente_ fisarmonica

Michele Russo_ pianoforte, sintetizzatore

Felice Furioso_ batteria, cupa cupa 

 

Live @ ex Asilo Filangieri (Napoli, marzo 2017) →AUDIO←

 

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

flyer